giovedì 24 dicembre 2009

Luci di Natale

Mentre ridi guardando le luci di Natale che scintillano nell'albero,




mentre leggiamo la storia di Babbo Natale e progettiamo di mettere latte e biscotti sotto l'albero, perché così possa "fare colazione" prima di riprendere il viaggio sulla slitta,



mentre accarezzi e muovi le decorazioni di Natale, stampando baci su ogni pallina,





ti osserviamo e ci illuminiamo del tuo sorriso!!



che fa anche di questo Natale, un Natale Speciale, come di ogni giorno, un grande giorno, sei il nostro più grande dono.

Con tutto il cuore e a tutti quanti Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

Gigi, Cri e Giada Nghiem

lunedì 7 dicembre 2009

Una rosa in inverno



Questa mattina ci siamo alzati con la testa piena di ricordi ed emozioni, perché da quel 7 Dicembre di due anni fa il prima è improvvisamente fuggito, e il presente è diventato leggero e luminoso, proiettando ogni giorno una luce nuova e vivida sul nostro futuro.
Oggi, siamo usciti tutti e tre in giardino per appendere le luci di Natale, quelle luci che ti piacciono tanto e che vuoi sempre accese.
Nascosta dietro una colonna del portico, a contrastare contro i colori dell'inverno che incede, una piccola, solitaria rosa fiorita. Un inno alla vita, una rosa d'inverno, bellissima.
E tu Giada, sei come lei, sei la nostra rosa d'inverno, da quel pomeriggio di due anni fa sei diventata per sempre il nostro meraviglioso inno alla vita. Una melodia fatta di infiniti sorrisi, ogni tanto di capricci, baci a non finire e corse a perdifiato, coccole preziose, qualche lacrima da consolare, la pazienza che ci fa sopportare i lunedì e tutti i motivi per festeggiare i venerdì, una musica che non finisce mai.
Ti vogliamo bene...immensamente bene.
Il tuo papà e la tua mamma.

venerdì 4 dicembre 2009

Giri di giostra



Quanti ricordi salendo su una giostra, ritrovare le luci, e quella musica allegra, in molti casi la stessa di tanti anni fa, vecchie canzoni per bambini, quasi il tempo si fosse fermato. Giada piena di incanto, tra lo stupore e il sorriso ti trascina là dove ha scoperto alcuni pezzettini della sua fiaba preferita: Cenerentola.


Cerco di farla salire sulla macchina dei Flintstones, ma Giada mi guarda e va oltre, e certo, quella piace a me perché è identica a quella su cui salivo da bambino, lei ha altro per la testa, chi è piccolo? io o lei? lei! e allora! un giro ancora un giro...che abbiamo trovato la carrozza di Cenerentola,...un giro ancora un giro che c'è un cavallino bianco..come uno dei topolini trasformati dalla fatina..e poi altro giro sul cigno, che non c'entra nulla nella fiaba, ma possiamo comunque inventare varianti.

video video

Poi quando ritorniamo a casa, avvinghiata al palloncino che il giostraio ci ha "regalato" in
cambio di un bel mucchio di bigliettini per altri giri in carrozza...abbiamo voglia di volare.

video
di danzare, di chiacchierare (la prova dei numeri..1,2...4) e di fare acrobazie.

video video

E tutto questo movimento fa venire una fame...ma sta mortadella come si gira...
...aspetta un po'..
e mo te magno!!!

A proposito di tavola...qui siamo alle prese con la torta di compleanno della nonna Amelia...


E qua invece siamo in pizzeria...un bel sorbetto dopo la pizza.



Un pensiero speciale ad Adriana e Sandro che nelle scorse settimane hanno abbracciato la loro piccola Thi Hieu. Auguri ragazzi di tantissima felicità.
Gigi, Cri e Giada

sabato 7 novembre 2009

Saltelli

Dopo le belle "ottobrate" all'aperto....





...è arrivato Novembre, un po' grigio e noioso, e ora che le giornate sono così corte, quando esco dal nido è praticamene buio.. per cui la casa è di nuovo il mio campo di gioco preferito



e mamma e papà cercano di inventare sempre qualche gioco nuovo, anche utilizzando carta e colori. Le forme ed i personaggi ritagliati da papà sono un divertimento, che poi vuol dire riuscire a capire che cosa rappresentino quelle strane cose uscite dalla mente pazza di papà: nuvole, animali, semplici sagome da disegnare? Certo, qualche volta prevale il classico, e visto che mi chiama principessa, ho assolutamente richiesto una bella corona di "gemme preziose".


Qualche volta giochiamo con la pasta colorata…i biscotti al Didò mi riescono benissimo;





altre volte costruiamo torri, casette e recinti per gli animaletti della fattoria, utilizzando i legnetti

di uno dei miei giochi preferiti, il KAPLA.. lo preferisco perché mi piace vedere papà e mamma che fanno a gara a chi più mi aiuta a tirar su costruzioni..ho capito benissimo che piace un sacco anche a loro.

Ma da sempre, adoro farmi leggere i miei piccoli libri illustratati dalla mamma.
Accendiamo una candelina in soggiorno …io scelgo un libro… e poi ascolto accoccolata vicino a lei sul tappeto.

La mia fiaba preferita è quella di Cenerentola, mi piace un sacco il vestito "sei metri di velo colore del cielo", per non parlare delle scarpette di cristallo..papà dice che del principe azzurro non mi importa molto, a me interessano le griffes. Poi, se mi stanco con le fiabe posso sempre saltare, fare capriole, e posizioni plastiche sul tappeto, la mamma dice che sono molto simili a quelle che le fanno fare al suo corso di yoga, e le chiama con dei nomi impronunciabili, e dice che quando sarò più grande mi porta con lei...a me però piace anche tanto sfilare!


Oggi dopo giorni, è tornato a splendere il sole, e allora abbiamo approfittato per fare un po' di corse all'aria aperta.



video

Papà in questi giorni mi parla di un' amica, si chiama Anna, penso che sia la stessa che ha fatto gridare di gioia mamma e papà sotto l'ombrellone al mare quest'estate. Ieri, Anna con Mauri e Franci hanno finalmente abbracciato la piccola bellissima Thi NA..con cui un giorno mi piacerebbe tanto giocare!

Spesso sento parlare mamma e papà di tanti loro amici che stanno attendendo di vivere questa grande avventura e compiere il viaggio verso la felicità che li porterà ad abbracciare i loro bambini, come loro hanno fatto per me... capita a volte che papà e mamma mi stampino sulla guancia i baci di questi amici ... io sorrido perché so che sono pieni di affetto...e io li ricambio qui, e oltre al bacio mando anche l'augurio che questo momento arrivi il più presto possibile…e allora saltello..saltello…saltello…

video

lunedì 5 ottobre 2009

Mamma mia ..Papà mio



E' arrivato l'autunno, un autunno particolarmente caldo fatto di giornate ancora vestite d'estate, luminose e tiepide, così possiamo trascorrere ancora tante ore all'aperto.
Papà e mamma rincorrono i fine settimana, il Venerdì è ossigeno per i nostri momenti insieme e non vediamo l'ora di essere a casa per sussurrarti.."Domani siamo a casa!"..e tu "Nido?" .."No domani a casa, con mamma e papà"...e tu semplicemente con un sorriso rispondi in un abbraccio "Sì".







E domenica mattina, tutti insieme nel lettone a giocare ci hai guardati con quel sorriso leggero sulle labbra che sa di serenità, e poi con la tua piccola mano hai toccato prima mamma sul petto, lì vicino al cuore, e poi me e te ne sei uscita con "mamma mia e papà mio"...non so se facessero più rumore i nostri cuori o le tue risa, so solo che siamo letteralmente volati sopra di te a coprirti di baci.




lunedì 14 settembre 2009

Vietnam Day 2009



Lo scorso fine settimana abbiamo festeggiato il Vietnam Day 2009 ad Assisi.
La bellezza di questo luogo, il senso di pace e fraternità che qui si avverte palpabile, è stata la cornice dei nostri sorrisi, dei giochi, delle corse dei nostri piccoli: luce delle nostre famiglie.
A distanza di un anno, tanta emozione nel rivedere i bimbi così cresciuti e così meravigliosamente belli e vivaci, e poter abbracciare nuovi amici finalmente insieme ai loro piccoli.
Grazie a tutti per i momenti condivisi, per le chiacchiere, le risate, i racconti, semplicemente per essere stati insieme a noi in allegria.
Un ringraziamento speciale agli organizzatori di questo evento: Massimo, Laura, Simone e Vincenzo!!!




giovedì 10 settembre 2009

Una semplice risposta

Improvvisamente entri in un blog e trovi riportata questa poesia:

Da dove sono venuto? Dove mi hai trovato?
Domandò il bambino a sua madre.
Ed ella pianse e rise allo stesso tempo e stringendolo al petto gli rispose:
tu eri nascosto nel mio cuore bambino mio,
tu eri il Suo desiderio.
(Tagore)


Lascio questa dolce e semplice risposta a domande che in questi giorni hanno cercato di prendere strade infinitamente complesse che non portano a nulla.